Il vecchio e la Harley Davidson


Il racconto scritto da  John Newkirk ,”Il vecchio e la Harley” , è di notevole interesse, ma lascia molto a desiderare.

La storia della corsa in sé, vale il libro, il problema è che il libro tratta un argomento ambizioso, un tentativo di muovere fili diversi in un unico racconto, ma non è riuscito nel tentativo.

OldManAndHarleyJack Newkirk, il padre, comprò una moto harley davidson VL del 1930, e nell’estate del 1939 la  cavalca, obiettivo !!!! la Fiera Mondiale di New York e quella di San Francisco (Golden Gate Exposition).

Non aveva mai guidato una moto prima di quel giorno, e non sapeva nulla di riparazione e manutenzione. Siamo nell’era della meccanica semplice, dove, chiunque ragionevolmente competente, con pochi strumenti poteva smontare il motore di una moto, diagnosticare un problema, e risolverlo, e così fece Jack Newkirk.

Il libro dipinge un quandro di altri tempi dove le cose rotte non si sostituivano ma si aggiustavano. Nel viaggio Jack buca una gomma a causa della valvola, si trovò in un bivio, fare l’autostop fino alla cittadina più vicina e pagare un camera d’aria pagandola $ 2, o chiedere un passaggio nella parte opposta, 32 miglia, per ripararla a un negozio di saldature, alla fine decise risparmiando $ 1,50.

 

I Personaggi che entrano nella storia come il  cugino del padre Jack Newkirk, è una parte che se veniva omessa dal racconto avrebbe reso il libro migliore

Riferimenti come il compenso di Glenn Miller (altro personaggio) nei primi anni 1930 pari a 62 dollari a settimana, che definisce basso è una bestemmia per quel periodo. Basta fare il confronto anche con il costo del viaggio di  Jack Newkirk che ha comprato la sua moto e programmato di fare il giro di 6 settimane in entrambe le direzioni del paese, partecipare a due importanti esposizioni,  mangiare, dormire, acquistare benzina, e riparare la motocicletta, per un  totale di $ 95.

La storia ha la forma di un romanzo, usa un linguaggio moderno, con un certo potenziale di intensità. 

Consigliato a tutti gli amanti dei viaggi, e dei racconti dell’Harley Davidson, e anche per chi ama un racconto fatto di grinta, coraggio, ingegno e sacrificio.