1937 Harley-Davidson UMG Police Bike

 

harley1_532

Chi conosce la Harley-Davidson del 1930, sa che in questa foto ci sono diverse cose sbagliate.

Per cominciare, questo è 1.937 a testa piatta, modello 74 pollici cubici “U” con modifica cambio situato sul lato destro del gas serbatoio, l’opposto rispetto alla pratica usuale della fabbrica Harley. Questo è lo stesso lato usata dalla sua rivale, la Indian.

Poi c’è la mancanza dell’accensione fra i cilindri, mentre l’indian era meglio conosciuta per la sua accensione a magnete, proprio come su questa moto.

Inoltre, c’è il colore, una tonalità di rosso che ricorda molto da vicino l’altra casa motociclistica americana.

In realtà, se non la si conosce bene, si potrebbe pensare che questa moto rappresenta il tentativo di qualcuno di trasformare un modello Harley U in una Indian.

E avete perfettamente  ragione.

Ma chi è il responsabile di questo crimine contro la verità, la giustizia e il mondo Harley?

Il colpevole è stata proprio la Harley-Davidson. Il che rende la storia di questa moto one-of-a-kind, di proprietà di Dale Walksler, curatore delle Ruote Through Time Museum di Maggie Valley, Carolina del Nord, un pezzo assolutamente affascinante.

Walksler ha commentato che, già negli anni ’30, Harley e Indian erano in feroce concorrenza nel mercato per le moto della polizia. Queste vendite erano un segmento importante per entrambe le aziende e uno dei grandi compratori era il Dipartimento di Polizia di New York, che acquistò migliaia di moto.

harley3_200

Nel Nord-Est di New York era prassi acquistare moto Indian, in quanto la fabbrica si trovava a circa 150 miglia di distanza a Springfield, Massachusetts.

“Harley voleva quel mercato”, afferma Walksler. “Ma New York aveva da sempre avuto un orientamento verso la moto Indian. Questa competizione diventò una questione politica.

“Ora, Harley, per essere in grado di fare un’offerta per un contratto di acquisto delle sue moto alla polizia di New York, consegnò le specifiche Indian, spostamento leva cambio a destra, acceleratore a sinistra, accensione a magnete e una frizione del piede con accellerazione e rilascio con tacco anzichè piede”.

Queste modifiche si rendevano necessaria perchè sia il colore che le specifiche a cui era già abituata la polizia avrebbero influenzato la scelta. Dopo tutto, i poliziotti indossavano la stessa divisa, perché dovevano cambiare il colore della loro moto?

A quel punto Harley avevano affrontato tali questioni sviluppando un kit per adattare le loro moto al layout di controllo utilizzato dalla concorrenza. Ma in questo caso, Harley-Davidson, ha costruito esattamente ciò che voleva il cliente, partendo da da zero. E così è nata la Harley UMG, una moto che ha combinato il big-gemello (U) con il magneto di accensione (MG).

harley4_280

Era, a tutti gli effetti, una replica Indian, o almeno, la più vicina replica che Harley poteva costruire.

Il Periodo fotografico dimostra che Harley ha raggiunto un certo successo nei suoi sforzi per fornire moto al Dipartimento di Polizia di New York. Le immagini mostrano Harley UMG in uso, e una foto mostra anche moto Indian e Harley fianco a fianco.

Ma il numero di Harley UMGs effettivamente prodotto è sempre stato un mistero. La parola ufficiale di Harley-Davidson, contenuta in “The Legend Begins”, raccolta di documenti dei primi nove decenni di esistenza della società, che dichiara una produzione totale di 150 mezzi di cui 141 nel 1937/1938 e 82 nel 1939. Tuttavia, Walksler pensa che questi numeri possono essere ottimisti.

“Penso che quelli fossero Ordini non reale produzione.”

“In tutti gli anni,” dice, “ho visto solo un set di case motore UMG NOS, e set che ho trovato in Kansas e un altro comparso su Ebay.

harley5_280

“Questo è tutto quello che sapevo fino a cinque anni fa, quando ho trovato un motore completo UMG al raduno AMCA a Eustis,” dice. “Ricordo che era una giornata di pioggia e il motore giaceva sotto un telone. Ho sollevato il telo e ho visto questo motore a testa piatta. Poi mi sono girato intorno e ho visto il numero di serie UMG. Ho chiesto al proprietario, ‘Che cosa vuoi per questa cosa?

Walksler ha comprato il motore sul posto e lui dice che non ne ha mai visto un altro da allora.

“Questa rarità mi porta a credere che in realtà non ci sono molti esemplari. Altre persone hanno diverse opinioni sul perché non esistono, forse sono stati demoliti, ma in realtà penso che la ragione più probabile è che la produzione reale era molto bassa.”

“Il telaio e la forcella erano pezzi di produzione regolari, quindi erano facili da trovare”, dice Walksler “, ma i serbatoi no, a causa dello spostamento a destra del cambio. Ho avuto il serbatoio sinistro corretto (uno senza le staffe per il collegamento del cambio), ma avevo bisogno del serbatoio di destra (con la parentesi shifter), che ho trovato da Bill Morris a Old Bike Barn di Bill a Bloomsburg, Pennsylvania. ”

Così come è stato complicato rintracciare il collegamento per il cambio destro, è stato difficile reperire anche informazioni, Walksler afferma che il meccanismo di collegamento del cambio non è mai stato descritto nei cataloghi delle parti di Harley.

Jeff Coffman:

“Mi ha detto, ‘io credo di avere quello che cerchi, così gli ho chiesto di spedirlo”, ricorda Walksler. “successivamente ho scoperto che era stato fatto per una moto a testa a valvola, il che significava che era leggermente diversa dalla versione piatta, così abbiamo dovuto capire la geometria e modificare tutti i punti di articolazione.”

Walksler si rese conto che possedeva uno dei pezzi unici della UMG: la leva della frizione progettata per lavorare in direzione opposta alla pratica standard di Harley,.

“Ho avuto quella parte per 30 anni”, dice. “L’ho visto non sapevo cosa fosse, così l’ho comprata. Non ho mai saputo che cos’era fino a quando abbiamo iniziato a lavorare su questa moto, e ho scoperto che era stata progettata per il collegamento a ritroso della frizione della UMG “.

“Il magnete in sé non è impossibile da trovare, perché è stato usato su altre moto,” spiega. “Ma il vettore che contiene il magnete è una parte rara. Alla fine, l’ho trovata da un mio amico, Barry Brown, in Canada. ”

Il vettore sulla macchina di Walksler è realizzato con un punto di fusione “EX” che indica che è venuto dal reparto sperimentale di Harley-Davidson, che di solito ha prodotto pezzi solo per prototipi o racebikes. E si sospetta che lo stesso marchio sperimentale potrebbe essere stato sul supporto per ogni UMG uscita dalla fabbrica.

«Probabilmente non è mai andato in produzione ed è rimasto una sperimentazione,” dice.

Il progetto di costruzione ha avuto luogo nel negozio Time Museum, e divenne oggetto di una serie di video pubblicati sul sito del museo. Quindi, se volete vedere una vera rara moto americana riportata in vita davanti ai vostri occhi, è sufficiente cliccare sul video alla sezione video di www.wheelsthroughtime.com e cercare “UMG.”

FONTE: http://www.antiquemotorcycle.org/index.php?page=exhibit-a-6